Florence Art News: Registrazione al Tribunale di Firenze N° 4623 del 19/9/1996 - CatPress: Registrazione al Tribunale di Firenze N° 4890 del 2/6/1999
Blue Planet e Fotoreporter On Line sono supplementi di CatPress - Direttore responsabile: Sandro Pintus
  Ciao Ospite! Home  ·  Contattaci  ·  Raccomandaci  
Agenzia di stampa  ·  Florence Art News  ·  Blue Planet  ·  Fotoreporter On Line
Traduci con Google

Siamo associati con Amazon


Cerchi libri in inglese?
Motori di ricerca
Amazon.com
Amazon UK


Electronic Bestsellers




1966: L'alluvione di Firenze


Il 4 novembre del 1966
l'Arno allagava la città.
Le immagini e i racconti
di quei giorni in un libro.
Dal senatore USA
Ted Kennedy
al prof.Umberto Baldini,
dal ministro Vannino Chiti
al prof. Alfio Del Serra
Leggi la recensione

Vai a vedere il libro


Pubblicità

Sviluppo sostenibile: Consigli per risparmiare l'energia elettrica

Blue Planet Archivio Secondo i più recenti dati forniti dall’ENEL, dopo Svezia, Stati Uniti e Giappone e prima della Francia la regione italiana che ha il maggior consumo di energia elettrica è la Valle d'Aosta...(di Vincenzo Di Dato, bioarchitetto)

Risparmiare elettricità in casa: consigli per usare meglio l'energia elettrica

di Vincenzo Di Dato, bioarchitetto

Secondo i più recenti dati forniti dall’ENEL, dopo Svezia, Stati Uniti e Giappone e prima della Francia la regione italiana che ha il maggior consumo di energia elettrica è la Valle d'Aosta.
Risulta, infatti, che in un anno ogni valdostano utilizza 6893 kWh, circa il 60% in più della media nazionale che è di circa 4730 kWh/anno.

Secondo una stima dell’Ecosportello della Regione Valle d'Aosta, nel solo settore domestico, sarebbe teoricamente possibile attuare un risparmio medio compreso tra il 20% e il 25% del totale, ottenendo una disponibilità supplementare di energia pari a quella prodotta da una centrale elettrica che fornisca 25, 30 GWh/anno. E’ ovvio che questi consumi si traducono, per i cittadini, in una spesa che incide con una certa rilevanza sul bilancio famigliare.

Come fare, quindi, per rendere meno pesante la bolletta elettrica? Nelle nostre case ci sono tre importanti “aree di intervento” possibili, per pagare meno e, nello stesso tempo, mantenere un livello di comfort adeguato: l’illuminazione, lo scaldacqua elettrico e gli elettrodomestici.
Ci sono poi altri elementi che influiscono anche notevolmente sui consumi, come stufette elettriche e condizionatori. Pur essendo d’uso meno frequente, meritano, in ogni caso, un’attenzione particolare.

Vi diamo intanto alcuni consigli per risparmiare sull'illuminazione.
Le lampadine ad incandescenza, che tutti abbiamo normalmente in casa, non sono un esempio di efficienza: per consumare fino a cinque volte meno elettricità, si possono sostituire, negli ambienti dove la luce artificiale è più utilizzata, con lampade fluorescenti compatte ad alta efficienza, possibilmente con alimentazione elettronica.

Il loro costo, maggiore rispetto a quello dei bulbi a incandescenza, è ampiamente recuperato nelle prime 4000 ore d’uso. Considerando che hanno una vita di circa 10000 ore, contro le 1000 ore di quelle a filamento, il risparmio è evidente. La loro qualità, poi, è notevolmente migliorata negli ultimi anni ed è possibile scegliere toni e sfumature di luce per ogni ambiente.

 

Gli elettrodomestici rappresentano un'altra voce importante sull’insieme dei consumi domestici. Essenzialmente, la parte del leone è da attribuire ai frigoriferi e alle lavatrici, non dimenticando congelatori e lavastoviglie, ma anche tutto ciò che riguarda televisori, videoregistratori, hi-fi, computer incide in modo apprezzabile ma non sempre percepibile da parte degli utenti.

Per ciò che riguarda gli elettrodomestici, quindi, una serie di piccoli accorgimenti può aiutare nel contenimento dei consumi e, di conseguenza, della spesa; come ad esempio utilizzare il frigorifero correttamente, senza introdurvi cibi caldi ed evitando di lasciarlo aperto oltre al necessario, oppure effettuare lavaggi della biancheria a 90° solo quando effettivamente richiesti, o lavare i piatti a mano il più possibile, ricorrendo alla lavastoviglie solo in caso di grandi quantità.

Ma, oltre a questo, molto importante diventa la scelta dell’elettrodomestico al momento dell’acquisto. Esistono sul mercato, infatti, apparecchi che consentono forti risparmi di energia, non utilizzano gas nocivi per l’ozono, prevedono un ridotto impiego di acqua. In generale, il loro costo è pari o di poco superiore a quello degli altri elettrodomestici. Al momento dell’acquisto è necessario richiedere informazioni che riguardano, appunto, i consumi e le prestazioni, confrontandole con quelle relative ad altre apparecchiature.

Per ciò che riguarda televisori, computer, hi-fi, invece, è utile evitare la loro permanenza in stand-by, staccando completamente l’alimentazione. Nel modo attesa, infatti, possono arrivare a consumare fino al 20% dell’energia necessaria al loro funzionamento. Per questo e per evitare assorbimenti da parte degli alimentatori, può essere utile impiegare prese con interruttore.

Lo scaldacqua elettrico non è presente in tutte le abitazioni, ma dove c’è, per così dire, si fa notare. C’è un diffuso pregiudizio, infatti, secondo il quale si consumerebbe meno tenendolo acceso costantemente. Nulla di più sbagliato. L’accensione continua dello scaldabagno elettrico comporta una richiesta di energia elettrica frequente, nel corso delle 24 ore, per mantenere la temperatura di esercizio che, generalmente è di circa 60° C. Così, ogni volta che l’acqua contenuta nel boiler arriva intorno ai 40° C, il termostato fa scattare la resistenza per riscaldarla nuovamente.

Considerando che l’acqua calda, in casa, serve normalmente per una o due volte al giorno, è facile comprendere che questo continuo lavoro di riscaldamento è inutile. Secondo uno studio effettuato dall’Istituto di Ricerche Ambiente Italia, su dati del 1993, risulta che, in questo modo, lo scaldacqua incide per il 47% sul consumo di elettricità e per il 70% sull’ammontare della bolletta!

Accendere, quindi, lo scaldabagno solo per le due ore precedenti all’uso comporta un risparmio notevole. Meglio ancora, è possibile, con una spesa relativamente modesta, applicare un timer che permetta di programmarne l’accensione al momento desiderato, spegnendolo quando non serve.


 
Links Correlati
· Inoltre Blue Planet Archivio
· News by Redazione


Articolo più letto relativo a Blue Planet Archivio:
Consigli per risparmiare l'energia elettrica


Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 4.45
Voti: 11


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Argomenti Correlati

Blue Planet

Spiacente, non sono disponibili i commenti per questo articolo.

 
CatPress © 1999-2017
Via Ponte all'Asse, 16 - 50144 Firenze, Italia
tel. e fax (+39) 055 368997 - fax (+39) 178 6070796

Contattaci

Allestito da

Preparato con PHP-Nuke - v.Donkeys76
Fight Spam! Click Here!


PHP-Nuke è un software libero rilasciato con licenza GNU/GPL.
Versione PHPNuke Donkeys by www.phpnukefordonkeys.com
Webmaster Gennaro Cinquegrana (rino) & Christian Gentile (MisterMAD)